scra-post_1678t-2.jpg
scra_1097-2.jpg
scra_1163-2.jpg
scra-carbu_1663-2.jpg
scra_1041-2.jpg
scra_1184-2.jpg
scra-part-exha-2_1658.jpg
scra_1151-2.jpg
scra-tank-lid_1671.jpg
scra_1076-2.jpg
scra-side-dx_1652.jpg

Ducati Scrambler 450

Come molti appassionati anch’io sono sempre stato affascinato dallo Scrambler Ducati con le sue forme essenziali, il tassello, il serbatoio a goccia con le guance cromate e il famoso monocilindrico dall’avviamento che se non ci sai fare (come me all’inizio) ti manda subito in reparto di ortopedia.  Secondo me, visto il già ottimo progetto, basta qualche modifica mirata per migliorare questa moto e dargli un nuovo aspetto più accattivante. Proviamo ad analizzare assieme..

Di sicuro la parte posteriore della moto a mio avviso è sempre stata troppo bassa quindi via la coppia di ammortizzatori originali a favore di una coppia di Ceriani.  Svuotimo la parte sotto sella eliminando la cassa filtro e istallando solamente un pericoloso cornetto di aspirazione sul dell’Orto di serie. Sella più bassa al posto della spessa poltrona da soggiorno originale. Ci siamo quasi.. la modifica è quasi completa.

La coppia di cerchi in acciaio 19″-18″ originali cedono il posto ad una coppia di Borrani 21″-18″ fasciati da una coppia di Trial Competition Michelin (adoro questo tipo di gomme).

Scarico alto, al sicuro da colpi accidentali con terminale a sogliola Cream made.

Coppia parafanghi inox di nuovo disegno.

Completano la trasformazione il manubrio in ergal, faro anteriore CEV 105 e il contagiri meccanico Veglia Borletti.

Che dire? Siamo riusciti in qualche maniera a migliorare lo Scrambler?